10 Marzo 2012

Ciao! Quello di oggi è stato un turno a 3:io,Nuvola e il porco. Si,perché Nuvola ha un porcetto che a strizzarlo sgrufugna nella tasca interna del camice,e siccome lui non sta fermo un attimo (Nuvola,non il porco!) lo schiacciava continuamente col braccio dando l’impressione di avere l’intestino ballerino. Mi sono messa su il mio costume da clown recentemente messo a punto,una spitturata di stella e cuori in viso e siamo partiti. La sala prelievi era affollatissima,è sempre il mio tallone d’Achille,Nuvola è partito in quarta mentre io chiacchieravo con una bella vecchia signora di fiori e giardini. C’era il ciambellaio con mazzi e mazzi di mimose e ce ne ha dati 2 rami,così io ho regalato un ciuffetto a tutte le donne presenti,e anche uno a un signore che si era offeso perché per lui non c’era un fiore. A una signora a cui davan noia le mimose ho staccato uno dei fiori di plastica che mi sbucano dal camice,un’altra invece s’è proprio sentita male insomma la stavamo facendo secca. C’era una bimbina piccina,Morgana, che ho accompagnato a fare il prelievo,ha pianto tanto e alla fine anche lei si è conquistata il regalino,non mi dilungo sul suo prelievo se no Nuvola sviene sulla tastiera del pc. Ho assistito anche al prelievo di Nuvola,che si è steso sulla poltrona con l’aria di un agnello di pasqua, ma ha sopportato stoicamente. (nota di Nuvola: in realtà ho mantenuto un contegno degno di Napoleone in battaglia…a Waterloo ma sempre battaglia era no?). In dialisi diversa gente dormiva,abbiamo chiacchierato un po’,c’era un signore sordo che sembrava Sigmund Freud però non glielo ho detto,una signora dolce dolce (Eleonora),un caro signore di cui non mi ricordo il nome,una vecchina che somiglia alla mia nonna nei momenti di svarione e Franco,con la barbona bianca e senza una gamba,in onore del quale Nuvola si porta il suino in saccoccia. C’era un ragazzo albanese,allora ho provato a vedere se riuscivamo a capirci,parlando io l’arbereshe (l’albanese che si parlava secoli fa) ma non è andata molto bene..capivamo solo “come” si dice “SI” Nota di nuvola: in realtà sembrava parlassero due lingue diverse, dopo che Piffero era mezz’ora che si vantava di parlare l’albanese,..e quel ragazzo la guardava come una pazza scatenata in preda a una crisi…meno male che io parlo l’italiano sennò chissà che gli dicevamo) Nuvola ha strigliato ben bene questo ragazzo,minacciandolo di picconate tra gli occhi,perché è completamente rilassato nel dolce far nulla,insomma cercava di scuoterlo un po’,anche perché senza la cittadinanza italiana non avrà mai un trapianto,ma se non fa qualcosa non avrà mai nemmeno la cittadinanza. Lo abbiamo invitato anche alla prossima riunione,io spero che venga,Nuvola forse no perché è abbastanza grosso,magari all’impiedi gli fa pagare le minacce di picconate! Una piccola pausa e siamo andati dalle bestioline. Nuvola si è buttato su una sedia a rotelle e l’ho spinto fin nella stanza di Sara e Lavinia. Sara è una ragazza di 15 anni alta come Nuvola e me uno sulle spalle dell’altro,il discorso con Nuvola è finito sulla questione del motorino,io invece mi sono avvicinata a Lavinia,di 4 anni,e alla sua nonna. Era praticamente incantata dal mio costume,così mi sono tolta il cerchietto coi petali,la rosa piumosa blu dal collo,la cintura a girasole e il nasone con gli strass per farglieli provare,sembrava una fatina al contrario di me che sembro una raccattata, ci siamo messe a giocare con gli animaletti di plastica e il mio caleidoscopio (da lei ribattezzato come popocopio) e abbiamo preparato una torta di piselli in un bicchiere di carta coi miei fiori di plastica,delle figurine e altri troiai che Nuvola non ha voluto nemmeno assaggiare,in compenso ha traumatizzato la bimba prendendo la foca di plastica e mettendola nella “pentola” per sfamare lo squalo di plastica con zuppa di foca…che soggetto! (Nota di Nuvola…scusate ma perché secondo voi lo squalo doveva restare a digiuno quando la foca banchettava davanti a lui da mezz’ora senza offrirgli niente?)
Finita la mattinata,siamo passati al bar dove ho saputo che al barista piace cucinare nudo col grembiule (in realtà Nuvola prendeva per il culo,ma è un ottimo cuoco davvero) e pulitomi il muso dai colori,sono corsa a prendere l’autobus dove dei signori mi hanno riconosciuta subito come “la ragazza bellina che era con Nuvola stamane” (sono soddisfazioni!) (Nota di Nuvola…e pensare che a me delle signore mi hanno riconosciuto nel parcheggio come “quello attraente che girava con una gnoma formato agenda tascabile”, .e sembrare bassa accanto a me non è un gran complimento…il fatto che avessero l’alzheimer secondo voi influisce sul giudizio “attraente”?..)
Insomma,un bel turno divertente,che porta alla ribalta la mia sfida personale contro la sala prelievi.
Un bacione a tutti

Piffero
Mar 16, 2012 | Posted by in Blog | 1 comment

Comments (One Response)

  1. Silvia ha detto:

    Grandissimo resoconto. Lo vedo come un dvd nel mio cervello che ha volte è fuori come i coppi del tetto. Ma vedo che gli uni con gli altri c’è un passaggio vivace e si a volte meno comico, di esperienze. La mia di oggi è di stare meglio con la mia schiena e sono felice che Patrizia verrà alla riunione
    io sarò amorevolmente veicolata da Cignale e Piffero
    grazie bolle
    Silvia

Add Your Comment

Your email address will not be published.

Premium Wordpress Themes by UFO Themes