16 Febbraio 2013

Stamattina sono arrivata abbastanza presto,per prepararmi psicologicamente alla vista di Nuvola pelato e impizzettato.In sala prelievi c’erano diverse persone,abbiamo chiacchierato un po’ in giro,incontrando,tra gli altri,una ragazza con una massa di capelli bellissimi super-ricci,una mia futura collega incinta di due gemelli(un maschio e una femmina,Nuvola chiede:”ma uguali o diversi?”)e un signore con dei bei baffoni rigirati che erano l’invidia di Nuvola. C’era anche una bimba bellissima tutta vestita di rosa di soli 6 mesi,Emily,tanto buona e curiosa che non ha fatto bif nemmeno al momento del prelievo!Alle 10 siamo andati a parlare con una dottoressa per la questione del pronto soccorso,ancora però non si è deciso niente di definitivo,ma mi è sembrato che l’incontro sia andato bene,magari su questo si dilungherà Nuvola. In dialisi erano quasi tutti svegli,a parte una sala. Così ho progettato il mio futuro giardino di rose con una signora,e ho fatto amicizia con la figlia di un signore che dormiva,che lo assisteva per fargli passare meglio le ore della dialisi,ed era proprio una magnifica persona. Poi si è parlato con diverse persone di animali vari,col risultato di farmi venire un timore reverenziale delle oche,che non sapevo essere così maligne. Ho conosciuto anche una meravigliosa giovane donna che era a fare la dialisi,di solito ho trovato quasi sempre persone abbastanza grandi,mi ha fatto tanto piacere che abbia voluto fare due chiacchiere anche con me,anche a lei piacciono molto gli animali e quindi ci siamo trovate!In pediatria c’era un solo bimbo piccino picciò che si era scolato mezza boccia di medicine per sbaglio,con la sua mamma,entrambi stanchissimi perché non avevano dormito per nulla,così ci siamo fermati poco Insomma,è stato un turno abbastanza breve ma intenso,spero davvero che il progetto col pronto soccorso vada in porto perché sono sicura che faremo delle esperienze meravigliose lì dentro!
Dato che oggi ho raccontato la storia del mio nome clown,mi firmo col nome completo:

sPIFFEROspigliatodelventoinnamorato SHMOO
Feb 20, 2013 | Posted by in Blog | 0 comments

15 Febbraio 2013

Ed ecco il report del mio primo turno!
Abbiamo cominciato dalla sala prelievi, che come mi aveva già detto Nuvola, è sempre meno frequentata, in effetti c’era davvero poca gente, ma da una parte meglio così, almeno ho potuto iniziare da un ambiente più tranquillo. Inizialmente sono sempre stata vicina a nuvola (costantemente afflitto dal dramma dei baffi che non gli crescono arricciolati), così, un po’ timidina… ma l’agitazione che provavo dal giorno prima si è subito sciolta, ho visto che tutti erano ben disposti a chiacchierare e mi sono sentita a mio agio! Dopo siamo andati a dialisi, dove ho avuto il piacere di conoscere i simpaticissimi gino & gino! Abbiamo parlato soprattutto di problemi lavorativi e affini, che sembrano affliggere un po’ tutti di questi tempi (frase da vecchietta qualunquista). Infine, dopo aver passato dieci minuti in pronto soccorso (per passare il tempo tra una pratica burocratica e l’altra), siamo andati in pediatria! Come dimenticare la tenerissima bambina di due giorni? Kawaii! Abbiamo parlato un bel po’ con i suoi genitori, che erano in procinto di trasferirsi in svizzera. In sintesi, come primo turno è stato ottimo, anche se mi sento scomparire di fronte all’esplosività di nuvola (che oltretutto cammina con il pepe al culo, mi tocca correre come una pazza per stargli dietro), mi sono divertita quindi bon, avrò modo di migliorarmi nei prossimi turni. Il fatto è che credevo che diverse persone ci avrebbero trattati male o mandati via, invece ho trovato veramente tanta gentilezza e disponibilità. Io penso che il dialogo sia la base di qualsiasi società, purtroppo parlare con le persone, svelare noi stessi e comprendere gli altri è difficile, e forse vestirsi da clown è uno dei modi migliori per riuscirci. Questo è l’inizio del mio percorso personale per entrare nel cesto di frutta senza rinunciare ad essere un onigiri. Ce la farò?
Onigiri

Feb 20, 2013 | Posted by in Blog | 0 comments

11 Febbraio 2013

Ciao a tutti!! scusate del ritardo comunque quello di lunedì è stato un turno molto tranquillo. In sala prelievi c’erano le vecchie generazioni che mi hanno ascoltato molto interessati alla metafora buddista della rete d’Indra, in Dialisi si è parlato della neve e io in tema ho suonato l’inverno di Verdi. Abbiamo incontrato il prete e gli abbiamo detto che vogliamo collaborare a fare il presepe l’anno prossimo e lui ci ha spiegato che lui lo aveva già  fatto gli anni scorsi ma non veniva valorizzato ( posti a sedere e luci in scarsità). In pediatria c’erano una ragazza mussulmana con il suo bambino che aveva la bronchilite . Questa mamma sapeva molto bene l’italiano e poi l’abbiamo salutata quando è venuta la mediatrice mussulmana. Il nome del bambino è Salman che  significa se mi ricordo bene Forza e Pace mentre la sorella gemella di Salman si chiama Salma che vuole rappresentare la Bellezza della donna. Poi Gomitolo ha parlato anche con Melania, ma brevemente comunque è stato un incontro molto allegro.

Fragola
Feb 20, 2013 | Posted by in Blog | 0 comments

05 Febbraio 2013

8 e 30 squilla il telefono, è Gomitolo che mi dice: Cambiati, io sto arrivando e mi devo mettere solo le scarpe!!!! Agli ordini capo. Inizia un altro fantastico turno al servizio del sergente Gomitolo per l’allievo Sarciccia. Iniziamo come sempre dalla sala prelievi dove l’ambiente è affollato ma procede abbastanza velocemente e nessuno sembra lamentarsi, incontro una fantastica bambina di nome Elisabetta di soli 4 anni che ci racconta della sua sorellina in arrivo per cui ha scelto addirittura lei il nome(Aurora) che arriverà pressapoco il 14 Maggio, giorno di nascita suo e del padre(se voleva farlo apposta non ci riusciva). Salutata questa splendida famigliola ci dirigiamo in Dialisi dove, come ormai consueto il Martedi, dormono quasi tutti e il tempo che si prospetta dalla loro finestra non è che gli renda la vita più facile. Qualche chiacchera con il solito Franco che ascolta in pace la sua amata musica e via di corsa in Pediatria dove l’ambiente è abbastanza movimentato. nella stanza Arcobaleno ci sono Chiara di 12 anni che si è rotta il malleolo cadendo da cavallo e Luca il Guerriero con una broncopolmonite ma tutti e due in via di dimissione. L’attrazione principale sono le nuove bolle (in gel) di Gomitolo che al contatto con la mano rimangono integre ma appena si rompono ti si appiccicano sulla mano e non vanno più via(sembra marmellata). In un’altra stanza un altro dodicenne, operato di appendicite e in via di dimissione anche lui per fortuna, ma il suo unico obbiettivo della mattinata è giocare a Gta con la Playstation e fare invidia a me e a Gomitolo visto che è alto quanto noi due messi insieme. Si conclude la visita con una splendida famigliola(di origine napoletana) apparentemente felice ma con un grave problema secondo il capo famiglia: far tifare Napoli al figlioletto di 5 anni che ahilui tifa Fiorentina (secondo me non ce la fa, il bambino è convinto). Con questo dramma familiare si conclude un altro fantastico turno per il duo ormai inarrestabile GOMISARCICC.

Un’altra giornata all’insegna dell’amore e della passione verso quello che facciamo!!!
CIAO A TUTTI E A PRESTO!!
DR SARCICCIA
Feb 20, 2013 | Posted by in Blog | 0 comments

02 Febbraio 2013

Reportizzimo in zintezi:Nube mi raccolse con la sua macchina porta fortuna proteggi vita incassatrice di rombe resa ultimamente, grazie  messer nuvola!!! Tentai umilmente di aiutare porgendo la sistola delle acque a Nube che così cambiò le acque della ninfea…mentre io resistevo appena in tempo ad un attacco di colite oserei dire diabolica che però mi trovò quale compartimento stagno pronta a reagire con tempestività, mi
scuso per la digressione drammatica…

Turno, un so icche’ pensa Nube ma e’ stato un turno che mi ha riscaldato il cuore avendo anche potuto incontrare “i due vigili” un lei ed un lui belle persone con cui ho scambiato chelc parola anch’io.
– in dialisi pare proprio che Agostino torni in Albania……….un so’ icche’ pensare… mi scuso questa situazione mi lascia perplegia..
– Pediatria : ganzo finalmente m’e’ riuscito di leggere un par di fiabe brevi alla dolce Paola e all’Alessandra che si divertivano a disegnare….poi s’e’ conosciuto la mamma di un ragazzo con la struttura di un gladiatore e un musino buono e il desiderio di addiventà cuoco.( mamma che adora i mici come me.)…che mi e’ restato nel cuore insieme a quella mamma minuta, mamma di tre figlioli che aveva ricoverato il bimbo che aveva avuto una difficoltà respiratoria di una certa gravità,un bimbo carino in modo esagerato innamorato del babbo che ha una spiccata vena ironica, e lui ce lo ha dimostrato volendo calcarne le orme facendo delle battute buffe e carine…..dolcissimo.
Arancina
Feb 20, 2013 | Posted by in Blog | 0 comments

01 Febbraio 2013

Buon giorno a tutti ,

Sono arrivata in tram e quando stavo per scendere vedo Nuvola che si alza dal sedile e mi racconta di come riesce a sopravvivere senza macchina!
Andiamo in sala prelievi e la vediamo quasi vuota, poi si va in pronto soccorso e li c’erano solo 4 persone. Intanto che si aspetta l’appuntamento col caposala del pronto andiamo in Dialisi dai Gini e Laura. Dopo poco usciamo per andare con la Cristina a parlare con il caposala che ci ha dato l’ok  per iniziare a lavorare al Pronto Soccorso naturalmente avvertendo che le figure Clown e Infermieri non devono mescolarsi e che non dobbiamo incoraggiarli nel chiedere informazioni sui propri cari ogni 5 minuti. Adesso dobbiamo farci conoscere dagli infermieri  per spiegargli il nostro progetto. Poi facciamo le altre stanze della Dialisi vedo anche gente nuova . Parlo anche con Bianca  poi accanto c’è Pia che è in una posizione abbastanza scomoda poi c’è un signore che di lavoro aggiusta macchinari della dialisi e ha detto che è da poco che  fa’ la Dialisi; viene la mattina perché deve prendere una medicina particolare. Con lui abbiamo parlato di spiritualità. Questo signore ha consapevolezza che tutte le esperienze vanno percepite come utili e non si lamenta.   
Secondo me sei te che decidi se stare male o stare bene ,  cioè nella vita è importante: imparare a conoscersi, a gestire le proprie emozioni, a gestire il proprio tempo , a relazionarsi con gli altri, a prendersi cura di se stessi e degli altri ad amare e a ricevere amore. Partendo dalla voglia di  conoscere che va alimentata ogni giorno e dall’ottimismo. Queste cose ci aiutano e sono più efficaci di qualsiasi medicina Mia mamma mi dice sempre “L’esperienza non si compra in Farmacia”infatti le cose essenziali per stare bene sono a disposizione di tutti e in qualsiasi  momento, ma non siamo abituati a vederle e a dargli importanza. In pediatria c’erano tre bimbi con la broncopolmonite; uno lo avevo già visto , si chiama Jassem e sua madre me la ricordavo; l’anno scorso hanno partecipato ad ospedale aperto. Poi il babbo di Nuvola mi ha accompagnato a Bottai, che gentile!!!
Fragola
Feb 20, 2013 | Posted by in Blog | 0 comments
Premium Wordpress Themes by UFO Themes