28 aprile 2018

Oggi una svolta decisiva: e’ la prima volta che arrivo proprio presto e

mentre sto’ entrando in ospedale mi giunge la chiamata di Pasticca,
certo che io sia ancora per strada, rimane stupito. Al suo stupore

rispondo con un ” tutto cambia tutto si trasforma…”

Niente male come inizio.

Pasticca e’ un bravo chitarraio per cui e’ bello poter iniziare un turno
con un po’ di musica. La musica e’ magia, e’ veramente portentosa.

Partiamo per recarci in dialisi e troviamo in sala d’attesa due gemelline che devono fare dei controlli appaiono timide e restie.

Con due favolosi fiori iniziano a sorridere. Segue l’ormai famoso
sirtaki  e poi un girotondo con le bimbe che diventa una danza. Ci
salutiamo guadagnandoci dei bei sorrisi.

Incontriamo anche un altro bimbo di nove anni che sta’ aspettando

davanti a ortopedia da un po’ di tempo con una probabile frattura del

polso…e mi racconta che stava giocando a nascondino.Lo salutiamo incoraggiandolo.

Nel percorrere il corridoio che porta alla dialisi incontriamo M. per la
prima volta, un signore 70enne che ha letto il mio nome sul camice.

Andiamo in dialisi. Stanno facendo la colazione ed andiamo a salutare la
M. e J. con cui mi diverto a farmi insegnare i termini in
inglese.Pasticca prepara dei fiori per le signore presenti e nella sua
magnanimita’ e preoccupandosi che sia un buon lavoro con i palloncini mi
fa’ un doppio girocollo ed una specie di antenna con un fiore suscitando
un po’ d’ilarita’.

Parlo un po’ con M. incoraggiandola un po’: mi racconta di come piu’

passa il tempo e piu’ il dolore per la perdita del marito diventa
acuta e profonda.

J. invece sta’ al gioco e mi parla in inglese . E’ proprio una persona
affabile e piacevole.

Un signore accanto sonnecchia: dopo la colazione accade spesso.

L’infermiera e’ accogliente nei nostri confronti.

Nell’uscire dalla dialisi ritroviamo M. a sedere fuori dalla dialisi
pare che non veda l’ora di parlare con qualcuno per raccontare cio’ che

sta’ attraversando nella sua vita soprattutto di un figlio 40enne che lo fa’
preoccupare.Ci confida infine addirittura sulla  decisione che ha

finalmente preso per salvaguardare la sua vita, per sentirsi piu’ libero.

Andiamo in psichiatria.

Troviamo tutti addormentati o comunque a letto eccetto una vecchia
conoscenza che continua a camminare imperterrito e con il quale si
riesce ad ottenere pochi istanti di un tentativo di scambio , di parole.
Poi ci schiva e se ne va.

Fa’ capolino in terrazza una signora che dopo aver fumato torna nella
stanza . In questa mattinata particolare fiondiamo su G. che e’ l’unico
che e’ sveglio. Paolomago  imbastisce i suoi giochi per poterlo almeno
intrattenere e comunque ci racconta un po’ di se’. Le altre due persone

nella stanza stanno dormendo ma col susseguirsi dei giochi gli occhi si

aprono. Arriva l’ora del pasto ed assistiamo al tentativo di
accompagnare S. a tavola ma senza riuscirci. Non ci sono parole da
aggiungere e’ sempre dura dover vedere l’angoscia ed il panico nel volto di una persona che poi e’ riuscita a farsi rimettere a sedere sul letto.
Salutiamo S.che e’ ancora qui, la ragazza che ha insegnato i passi di samba a me e Caramella, e che si alza per andare a mangiare.

Grazie Pasticca.

Arancina

Apr 28, 2018 | Posted by in Blog | 0 comments

26 aprile 2018

Oggi per la prima volta sala prelievi dove ha inizio il nuovo turno!
Non ci sono molte persone , 3 signore in dolce attesa e una signora un po’ più grande , oltre naturalmente ai due addetti al box informazioni con cui Red inizia subito a parlare…
Scambiamo quattro chiacchiere con le signore in attesa e ci dirigiamo al CUP…..qui percorriamo il corridoio degli ambulatori da cima a fondo e dopo saluti e sorrisi ci fermiamo a parlare con dei signori molto simpatici, i quali sembrano molto contenti della nostra presenza….uno mi chiede il nome dell’ associazione e vuole sapere se siamo volontari e la frequenza con cui facciamo ciò che facciamo….dopo vari ringraziamenti entra in ambulatorio e noi scendiamo per andare  nella sala d’attesa dell’ ortopedia dove incontriamo un bimbo un po’ troppo imbronciato a cui Red con i palloncini fa una sciabola senza riuscire però a farlo parlare; giriamo la testa e ci avviciniamo alle persone sedute in attesa di chiamata;tra battute e quiz riusciamo a strappare sorrisi e parole gentili fino ad arrivare ad una coppia tenerissima….la signora ci confida i suoi dolori e poi si lascia andare in confidenze e dichiarazioni d’ affetto per il marito con cui sta da più di 60 anni…..che bello ascoltarla, ancor più guardarli…salutiamo tutti e in un brodo di giuggiole ci dirigiamo in dialisi.In alcune stanze dormivano quasi tutti…in una c’ erano le infermiere siamo così riuscite ad entrare nell’ ultima camera dove abbiamo scambiato quattro chiacchiere con due signore….
Salutate anche loro siamo andate in psichiatria abbiamo ritrovato una ragazza con cui la volta precedente avevamo passato molto tempo e ci siamo messe a disegnare….ci siamo rilassate e abbiamo poi parlato molto…fino a quando ha avuto inizio il giro dei medici e siamo dovute uscire…..
Turno finito……
Ogni volta ho la sensazione che il turno finisca subito…..
Ringrazio Red che con  tutte le. Mille parole che mi ha detto mi ha fatto riflettere su alcune cose…..e soprattutto mi ha fatto sentire a mio agio.
Un abbraccio.
Birichina
Apr 26, 2018 | Posted by in Blog | 0 comments

21 aprile 2018

Qui di seguito il report del dottor. Budino,
con il quale ho condiviso un turno tranquillo ma ricco di sorrisi e non solo…
Grazie mille.
Dora
Primo turno che faccio, nome di battesimo Budino sono emozionato ma allo stesso tempo impaurito di cosa può succedere, non avendolo mai fatto non so come le persone reagiranno. La mattina inizia e mi avvio con Dora verso gli armadietti, ci cambiamo, ci coloriamo un bel naso rosso e andiamo verso la sala prelievi; durante il percorso noto lo stupore e sorrisi delle persone che si trovano nell’ospedale. Con un grande sorriso entriamo nella sala prelievi, in quel momento ci avviciniamo verso una famiglia e Dora tira fuori dalla sua borsa indovinelli su indovinelli sembrava quella di Mary Poppins; dopo qualche chiacchierata e un paio di sorrisi andiamo verso la dialisi, dove entrando noto che la maggior parte dei pazienti dormono.Era la prima volta che entravo in dialisi, mi sono un po’ irrigidito all’inizio però subito dopo insieme a Dora ci siamo messi a parlare con un signore che aveva avuto la fortuna di avere una donazione dalla madre; così dopo una chiacchera e l’altra mi sono ammorbidito e ho iniziato a parlargli da solo. Dopo una serie di risate e dopo aver parlato di televisione e serie tv l’ho salutato e siamo andati in un’altra stanza dove Si trovava una signora amica della Dora ,che dopo essermi presentato voleva per forza un bacio.Abbiamo parlato del carnevale di Viareggio e con qualche foto e un paio di risate siamo usciti dalla dialisi. Velocizzo un po’ la giornata, ci siamo diretti verso la psichiatria però prima di entrare abbiamo incontrato al bar dei bambini a cui ho fatto un paio di cagnolini che con la coda troppo lunga e le gambe troppo corte mi hanno ricambiato con bel sorriso.
 In psichiatria abbiamo concluso la giornata ci siamo messi a parlare con un signore che ci ha raccontato cosa faceva nella vita e ci ha detto le sue impressioni su un ragazzo che camminava tutto il giorno, anche alle 3:00 di notte ed era stupito perché non sapeva come faceva. Comunque sia è stata un’esperienza bellissima; mi ha dato più di quello che mi aspettavo, Dora è un Clown straordinario.
Grazie a tutti e non vedo l’ora di poter prendermi qualche altro sorriso.
Saluti
Budino
Apr 21, 2018 | Posted by in Blog | 0 comments

11 Aprile 2018

Dal racconto di Onda traspare  tutto il clima respirato in ospedale…
Davvero un bel turno….

Gomitolo

Arrivata agli armadietti, Gomitolo non era ancora arrivata così ho iniziato a prepararmi e indossato il naso rosso… ecco arrivare la mia compagna di avventure…

Andiamo al CUP dove incontriamo una bambina che ha saltato la scuola per la visita oculistica:  era così contenta di essere stata una mattina con la sua mamma saltando la lezione di geografia e inglese… continuiamo a disturbare le persone in attesa e ci fermiamo a parlare con un nonno-pensionato che stava leggendo il giornale, ci siamo lamentati delle brutte notizie e abbiamo chiaccherato della sua vita, le sue avventure per andare in pensione la meraviglia di essere nonno e la compagnia della famiglia…Una persona molto riservata ma vedendoci si è aperto tranquillamente e ci ha raccontato un po’ di sé, sembrava contento di averlo fatto.

Nell’uscire abbiamo incontrato un’altra bimba l’abbiamo salutata ma lei doveva tornare (purtroppo) a scuola ….

Arrivati in dialisi ho conosciuto una nuova persona, con un bel nome, mi ha raccontato della sua passione per la musica e sul fatto che gli piace molto ascoltare la radio perché gli fa compagnia, dato che il suo cantante preferito è Vasco Rossi abbiamo ricordato insieme le sue canzoni e il mitico concerto della scorsa estate… bei momenti, la musica unisce davvero.

Cambiato stanza abbiamo ritrovato i veterani e visto che Gomitolo è prossima alla partenza per la missione le hanno fatto un po’ di domande e l’hanno rassicurata un po’… Sono stata in silenzio ad ascoltare un signore che ha perso un amico che faceva dialisi proprio in quei giorni ed era un po’ sotto tono triste e rassegnato, sono contenta che mi ha raccontato le sue sensazioni, mi ha fatto piacere… Cambiato argomento abbiamo parlato delle vacanze che organizzano il reparto di dialisi, quest’ anno Calabria mi sembravano molto contenti di partecipare…

In psichiatria siamo stati accolti da una signora , un ragazzo e una ragazza brasiliana, colpita dai i suoi stupendi riccioli abbiamo chiaccherato di exstencion e treccine…..Il ragazzo ci ascoltava e nel conoscerci ci ha raccontato  la sua passione  per la fotografia, sta seguendo un corso perché è la sua forma di arte: attraverso essa  riesce a trasmettere le sue emozioni.

La conversazione era talmente piacevole che ci siamo seduti e ci siamo un po’ raccontati poi abbiamo scoperto che la ragazza brasiliana sapeva ballare bene la samba …. Magnifico! Io e Gomitolo ci siamo dilettate nell’imparare qualche passetto ma ovviamente non avevamo il ritmo nel sangue come la ragazza, si è creato un bel clima che ha accolto anche altre persone del reparto.

Un’altra ragazza esce dalla propria stanza,  saluta la professoressa che era passata per darle una spiegazione di una lezione, siamo uscite fuori a fumare e mi ha raccontato dei suoi sogni di finire la scuola e diventare criminologa, di un tipo che le piace…Mi ha colpito la sua positività e determinazione nel voler inseguire i suoi sogni e la fortuna per non dire bellezza che un’istituzione scolastica si stia impegnando per sostenere questa  ragazza  con qualche difficoltà per farle prendere la maturità e lei risponde studiando e impegnandosi tanto portando a casa bei voti.

Questa volta in psichiatria è stato davvero un momento bello pieno di persone positive, sogni da realizzare passioni da condividere… sono uscita dal reparto che mi sono sentita arricchita da queste persone .

Anche questa volta il turno è finito troppo presto, grazie a Gomitolo per il suo stupendo supporto….

Un abbraccio

Onda

Apr 11, 2018 | Posted by in Blog | 0 comments

7 Aprile 2018

Quest’oggi è stato il mio primo tutor con un clown nuovo, e lo ringrazio per la fiducia.
È stato un bel turno, ricco di emozioni e risate.
Vi lascio al report del dott.Gano.
Baci a tutti,
Dora
Ciao , mattinata all’insegna dell’inizio di una nuova avventura, iniziata con la conoscenza del primo reparto “prelievi”  e delle persone che ci lavorano , tra una battuta e un gioco incominciavo a “calarmi nella parte” essendo la mia prima volta in questa veste,  con conseguente incontro di un caro amico dopo tanto tempo  . La mattinata prosegue con il reparto di dialisi, tra un indovinello e il gioco dei mimi ho rotto il ghiaccio , sentendomi sempre più a mio agio grazie all ‘aiuto della mia tutor Dora che ringrazio per la sua presenza . Infine giro in reparto psichiatria , momento di totale ascolto,  concluso con un rimaniamo a pranzo ?
Ciao Clown , alla prossima avventura
Dott. Gano
Apr 11, 2018 | Posted by in Blog | 0 comments

6 Aprile 2018

Vi lascio una foto…. psichiatra…18 anni… e tanta voglia di normalità!!
Gomitolo
Vorrei dire che ogni volta è  sempre una crescita bella e profonda,in dialisi mi ha fatto piacere vedere un signore che nel turno precedente non aveva piacere di parlare mentre questa volta ha anche sorriso. Andando in psichiatria voglio dire che mi sono sentita accolta da queste persone speciali ,la dott.Gomitolo riesce a creare questo contatto confidenziale,nel quale  sembra che ci conosciamo da tempo..È  stupendo!!! Io  sento che mi sto rilassando e sento di essere nel posto giusto…Grazie di cuore a tutti
ENERGIA
Apr 11, 2018 | Posted by in Blog | 0 comments
Premium Wordpress Themes by UFO Themes