08 Aprile 2015

Pubblicato da Radic il

Ciao a tutti, primo turno con Pan stamattina Emoticon smile ore 9, sala prelievi, entro…..da sola (Pan è in arrivo). AIUTOOOO!!!!! Emoticon smile Raccolgo tutte le mie forze e vado! Saluti per tutti fino a due 80enni, parlando hanno scoperto di aver passato esperienze simili nel corso delle loro vite. Uno mi racconta che per ben 4 volte ha rischiato di morire ma ogni volta l’ha superata più forte e ottimista che mai. Si parla di destino….Si avvicina un altro signore che mi descrive l’attività di volontariato che faceva anni fa: tramite una biblioteca che gli procurava dei libri, si recava in ospedale a leggere a chi era stato appena operato ancora sotto anestesia. I medici erano convinti che chi lo ascoltava leggere il libro Cuore…..Pinocchio…..rivivesse emozioni di un tempo e questo lo avrebbe aiutato a reagire molto meglio all’operazione chirurgica. Fantastico!
Saltiamo la dialisi per andare in psichiatria, il pensiero va subito a G. Più ci avviciniamo e più sento l’emozione crescere.
E’ una mia cara amica…..La vedo e mi blocco. Vorrei solo piangere, mi trattengo ma non riesco a parlare. Solo un abbraccio dato col cuore, le sto vicino, le voglio far sentire che ci sono, che sono li per lei, che per me è importante essere li per lei. Ha lo sguardo fisso, risponde a malapena, non vuole andare a Roma e non vuole mangiare.

Quanto mi sento impotente! Non capisco da dove entrare! Ogni parla mi sembra inutile davanti al suo stato. Le ho lasciato un biglietto con delle frasi incoraggianti
E’ come voler distogliere una persona da un progetto mentale distruttivo indiscutibile . La sensazione è che lei ha deciso di NON mangiare, di Non andare a Roma e niente e nessuno le può far cambiare idea, rassegnata al suo stato quasi catatonico.
Per la prima volta ho avvertito un muro tra me e lei e avevo la sensazione che le mie parole non arrivassero.
Conosco quello stato: si sente solo il profondo silenzio e non si fa entrare nessuno in quell’abisso. Ma standole accanto quel silenzio gridava aiuto
La saluto con un abbraccio, vedo i suoi occhi lucidi e rispondo alle sue lacrime con un sorriso e un bacio sulle guance.
Mi colpisce una signora che ci dice che il problema più grande è che lei sta meglio dentro anziché fuori
Eppure la vita è cosi bella fuori, ma per certe persone no o forse non riescono più a vederla bella e allora mi sento fortunata perché nonostante tutto, ancora io continuo a vederle
Turno molto emozionante, primo turno con Pan….adorabile!
Un carissimo saluto a tutti
Farfallina


0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *