14 e 22 Settembre 2012

Pubblicato da Radic il


Carissimi clauni e amici, farò un report di due turni con una sola mail, ossia quello del turno del 14 settembre con Salakura e quello del 22 con Dora ma non starò ad entrare in descrizioni particolari o a raccontare chi abbiamo incontrato, farò un report solo emozionale descrivendo la sensazione di ritorno dalle ferie. Per la prima volta dopo anni mi sono concesso ben tre settimane di ferie e sono stato lontano dai turni per quasi un mese, tornare in ospedale dopo un mese è stata un’ esperienza particolare. Devo ammettere che mi sono mancati i turni e il rientro è stato piacevole, quello che mi sento di dirvi è che stando lontano un mese mi sono potuto accorgere di quanto le persone ripongono fiducia in noi, appena rientrato ho incontrato diverse persone che  mi hanno chiesto di aiutarle per problemi parecchio seri e molto diversi fra di loro, ho notato che molti hanno piacere di aprirsi con noi e trovano in noi una consolazione a quello che la vita gli mette davanti come difficoltà quotidiane. Ho però sentito anche la responsabilità di essere in grado di poter continuare a farlo, trovare sempre i fondi che ci permettono di portare avanti questo progetto così intenso, creare sempre più una rete di aiuto solidale fra tutte le persone e mi rendo conto che probabilmente questo è l’unico modo che abbia trovato efficace per cambiare davvero le cose che non vanno, per poter migliorare questo mondo che spesso va al contrario di come vorremmo, sento un profondo senso di responsabilità verso tutti i pazienti sia presenti che futuri, verso ognuno di voi e verso chi frequenta a vario titolo l’ospedale, spero vivamente di poter arrivare in fondo alla mia vita e sentire profondamente di aver inciso in questo  mondo con una iniezione di cose buone, di lasciare davvero piante, animali e persone felici dietro di me. Sento inoltre sempre più forte che il nostro progetto è l’unico in Italia che si pone con questo atteggiamento nei confronti del mondo clauno in generale e anche questa è una ulteriore responsabilità, ricevo spesso mail di persone che ci contattano perché non trovano nelle loro città progetti simili e sono costretti a rinunciare a questa esperienza e provo il dolore di non aver ancora raggiunto il livello di poter allargare questa cosa in altri luoghi, in altri reparti e in altri ospedali, a questo per adesso la mia vita non arriva, devo aspettare ancora un poco, non ho al momento le forze per accogliere chi vive lontano da noi ma dall’anno prossimo dovremo impegnarci in             questo senso, dovremo cercare di rendere il progetto fruibile da chiunque per davvero e per chiunque intendo davvero chiunque, se ci penso mi prende male a pensare allo sforzo che dovremo fare ma ho la certezza di avere con me tutti voi e so che riusciremo in qualche maniera a realizzare anche questa cosa in qualche maniera, per adesso vi abbraccio
Con affetto e stima
Nuvola

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *