17 Ottobre 2011

Pubblicato da Radic il

Ecco qua il report del 17 ottobre e il documento da divulgare…. Beh che dire, il turno del 17 ottobre insieme a Nuvola ha avuto del mistico, secondo me, e non sto scherzando. Sono arrivata in ritardo con il fiatone causa traffico…..trovo Nuvola agli armadietti che stava facendo di tutto in qua e in là…spazzava fuori…abbiamo tentato di salvare una lucertola prigioniera nel tombino…..al momento che siamo partiti, non so dirvi cosa possa essere successo, già dalla sala prelievi l’ atmosfera si è dimostrata subito ottima, c’ era una sintonia tra noi e le persone veramente incredibile. Ci siamo trattenuti come al solito piacevolmente con i presenti e poi siamo passati alla dialisi……o ci siamo stati 32 ore,sono volate! Il personale tutto disponibile verso di noi che è stato veramente piacevole….Nuvola ha tirato fuori uno dei suoi giochetti che è risultato magico e lo abbiamo rivenduto a più persone possibili strappando risate su risate, poi ve lo faremo fare a tutti voi… troppo bello!!! Siamo passati così alla pediatria….c’ era un bel pieno, ho fatto una “gaffe” veramente alla Zilly, ma vi racconterò in altra sede :(, anche qui apertura totale, sia i genitori che i bambini, si fa per dire perché c’ erano un 14enne e una 16enne, se non sbaglio…..però coinvolgente. Mentre si stava uscendo dalla pediatria, erano circa le 12,20, sinceramente con la lucidità un po’ offuscata dalla stanchezza, Nuvola mi chiede se mi va di passare 10 minuti dalla rianimazione…..gli rispondo di si, non sapendo assolutamente che la rianimazione è di fronte al reparto della pediatria e Nuvola aveva già persone in attesa quando siamo entrati in pediatria. E lì è stata veramente la ciliegina sulla torta, ci siamo avvicinati con morbidezza e abbiamo iniziato a parlare con due fratelli e una sorella che avevano la mamma in rianimazione da venerdì scorso…..che dire, eravamo avvolti in un’ atmosfera che aveva dell’irreale e non esagero veramente è stato bellissimo ed emozionante allo stesso tempo, persone veramente speciali e mentre eravamo lì a parlare è arrivata un’ altra persona che a dire speciale è riduttivo, una dipendente dell’ospedale, Nuvola dirà poi anche la sua, non mi ero mai trovata in una situazione del genere, pur nella drammaticità del momento abbiamo dialogato per un bel po’ con una serenità e con un piacere di scambiarci veramente mai provato fino ad ora, per tutto il tempo ho sentito questa emozione nel cuore….una vibrazione che penso sentissero anche loro. Non so che altro aggiungere…….

un abbraccio di cuore a tutti i clowni

Zilly

0 commenti

Lascia un commento

Avatar placeholder

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *